Sagra della Castagna di Civitella Licinio, il sapore del sottobosco

Il sottobosco e le castagne protagonisti della Sagra della Castagna di Civitella Licinio, che ricorre ogni anno a ottobre.

Il bosco e i suoi sapori sono tutti da scoprire, dalle castagne ai funghi. È con questo spirito che nasce la Sagra della Castagna di Civitella Licinio, frazione di Cusano Mutri in provincia di Benevento. La sagra si tiene solitamente la terza settimana di ottobre e viene ospitata in un luogo meraviglioso, com’è il Parco Regionale del Matese. Sono quasi trenta anni che questa sagra viene replicata con grande successo, ma quali sono i suoi ingredienti, i suoi pezzi forti?

Questa sagra della castagna nasce con lo scopo di promuovere la conoscenza e gli utilizzi della castagna e degli altri frutti del bosco e del sottobosco. Gli utilizzi della castagna sono infatti molteplici: si parte con le più classiche caldarroste, calde calde che escono dal fuoco ed evocano solo pensieri di genuinità, di affetti, di persone care, di confidenze intorno alla fiamma che divampa di fronte alle nostre risate.

In questa sagra non ci sono momenti semplicemente dedicati alla degustazione, delle castagne e di altri prodotti tipici locali che vengono cucinati secondo le ricette della tradizione, ma si possono anche visitare alcune zone del Matese, come la Forra del Titerno, i Pianori del Campo e di Chianezza, i castagneti e molto altro ancora. Non manca neppure la musica e l’intrattenimento, come per ogni sagra che si rispetti.

Tra canti, balli, luoghi da visitare, non bisogna però scordare che la protagonista è la castagna, che da sempre in queste, come in altre zone collinari e montuose, rappresenta non solo un mezzo nutrizionale di sostentamento ma anche una voce importante dell’economia, attraverso le esportazioni e le vendite nazionali. La castagna poi rappresenta come siamo, com’è l’essere umano: la scorza rappresenta il corpo, quella corazza o maschera che ci consente di affrontare la vita di ogni giorno, l’interno morbido e dolce, ma non troppo, che simboleggia la nostra anima, da condividere solo con chi amiamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *