Archivi tag: prodotti tipici

Vascello con tre botti, idea per bomboniera

Un vascello per viaggiare con la fantasia e assaporare dell’ottima grappa: ecco la bomboniera che si presta a mille utilizzi

Ci sono oggetti che ci fanno vagare, viaggiare con la mente. Si tratta di oggetti suggestivi, creati da artigiani che sono in realtà artisti nel loro genere. E in questi oggetti rientra il vascello con tre botti che può essere riempito con grappa a piacimento. Quest’oggetto si presta a essere un regalo per tutte le occasioni, dall’inaugurazione di una casa alla promozione per un nuovo o vecchio lavoro, o semplicemente per essere una bomboniera per occasioni importanti.

In questo periodo dell’anno, ci si sposa e ci si laurea e allora ci si trova nell’impasse di dover trovare una bomboniera adeguata, ma con questa si risolve un grande dilemma. Si tratta infatti di un vascello con tre botti da 100 millilitri. L’oggetto è fatto in legno, ma le botti interne sono in delicato e suggestivo vetro soffiato: le botti possono essere riempite con grappa, secondo la scelta del cliente, che può essere grappa aglianico, taurasi oppure grappa barrique.

L’oggetto è così bello che può anche diventare argomento di discussione e naturalmente dopo il primo utilizzo può essere riempito con nuova grappa, ma anche con liquori particolari, come magari un bel liquore alle castagne, l’importante è pulirlo bene dopo i riempimenti successivi al primo.

Il veliero è una bomboniera delicata, ma è al tempo stesso spiritosa ed è dedicata a chi vuole donare un bell’oggetto ma desidera sdrammatizzare senza esagerare. La grappa la impreziosisce, perché in fondo unire l’utile al dilettevole è sempre qualcosa di positivo. Quindi il vascello non è semplicemente qualcosa di decorativo, ma qualcosa che può essere utilizzato nella propria casa e non semplicemente una volta, ma più e più volte. Ricordandosi magari della situazione che ha permesso di averlo in casa e chi lo ha permesso, che sia un dono o una bomboniera.

Spillatrice Sogliola, idee per bomboniere

Avere in casa un oggetto elegante che possa permettere un momento molto scenografico quando si hanno degli ospiti? Lo si può ottenere con la spillatrice sogliola, ottima anche come bomboniera. Ecco le sue caratteristiche

Quando si hanno degli ospiti in casa, si deve sempre avere qualcosa da offrire, solitamente un dolce e qualcosa da bere. Ma anche l’occhio vuole la sua parte. Ed è in quest’ottica che nasce la spillatrice Sogliola, un oggetto sia utile sia dilettevole, che può essere utilizzato come grazioso dono, ma anche come bomboniera per moltissime occasioni, da una laurea a un matrimonio. Ma anche per un semplice compleanno, può trasformarsi in un dono assai gradito per chi lo riceve.

La spillatrice Sogliola ha capienza 550 millilitri, presenta un foro e un’applicazione a grappolo. È fatta di vetro soffiato e presenta all’interno un simpatico ed elegante veliero. È in vendita con grappa scelta a piacimento dal cliente, come grappa aglianico, taurasi o grappa barrique. E, naturalmente, dopo essere stata ripulita al primo o ai successivi utilizzi, può essere riempita nuovamente con altra grappa o liquori. Certo, nella scelta è meglio avvalersi di liquori particolarmente cristallini, che valorizzino lo stile della spillatrice.

Si tratta di un regalo davvero interessante questa spillatrice. Facciamo un esempio. Degli amici acquistano casa e vi invitano all’inaugurazione. Di solito si porta una bottiglia da aprire tutti insieme, ma risulta così impersonale, e una volta bevuta non resta il ricordo di chi ha fatto il dono. Con questa spillatrice, invece, si può ovviare a tutte queste questioni: la spillatrice Sogliola è un regalo che resta, che va esposto in una vetrinetta o comunque un mobile vetrato, da sfoggiare con gli ospiti, ma anche da godere nella pace del proprio relax. Perché la bellezza è qualcosa di meraviglioso, ma se a essa viene accompagnata l’utilità di un oggetto, questi diventa un must assoluto e imprescindibile.

Ciliegie: le diverse varietà

Le ciliegie si presentano in differenti varietà: ecco alcune delle più comuni in commercio

Adriana, arecca, bigareau, burlat, cornum, del monte, ciliegia di Lari, durone nero di Vignola, early Lory, early star, Forlì, francesi, ferrovia, Giorgia, graffino bianco, lapin, malizia, marasche, marosticana, montagnosa, mora di Cazzano, moretta di Vignola, Napoleon, sciazza di Siano, stella, summus, van, vittoria, black star, early big, kordia, Sandra, regina e folfer. Sono solo dei nomi… di ciliegie. Certo, la ciliegia sembra una sola (o tante) quando ce l’abbiamo davanti per mangiarla, ma presenta tantissime differenze.

Una delle varietà di ciliegie tra le più amate è la ciliegia ferrovia, originaria della Puglia ma diffusa praticamente in tutta Italia. La ciliegia ferrovia è a forma di cuore, è di colore rosso scuro e spesso molto morbida quando è nel punto perfetto di maturazione. Il nome deriva dal fatto che le prime ciliegie furono trovate vicino a un casello delle Ferrovie del Sud Est, tanto che, a quanto pare, l’albero veniva curato originariamente dal casellante. Si mantiene fresca anche per una settimana e viene esportata praticamente in tutta Europa.

Un altro tipo di ciliegia è la bigareau, caratterizzata da una pallina rosso scuro dal gusto molto intenso. La coltivazione di questa varietà non ha confini e il periodo dell’anno migliore per la raccolta è compreso nella prima metà di giugno.

Infine, una delle varietà molto amate è Giorgia, che dà dei frutti precoci, tanto che viene raccolta dagli alberi a partire dagli ultimi dieci giorni di maggio fino ai primi dieci giorni di giugno. Il suo colore è rosso scuro, con la polpa rossa, il frutto è molto grande, ma deve essere consumato in fretta perché più deperibile di altre varietà.