Archivi categoria: castagne fresche

Vendita castagne

Vendita castagne, passione e impegno

La vendita castagne può affascinare, ma c’è qualcosa di importante da sapere prima di intraprendere questo mestiere.

Vendita castagne

Ci sono dei mestieri che possono apparire affascinanti dai non addetti ai lavori. Ovviamente – a livello ideale – chi li ha scelti è perché ha studiato per farli, si è impegnato, ha una predisposizione naturale e un certo interesse. E il mestiere della vendita castagne non fa differenza. Dall’esterno essa potrebbe apparire l’occupazione ideale per molti, semplice e remunerativa. Ma come per ogni occupazione, appunto, non è per tutti.

Infatti, come per ogni mestiere, la vendita castagne non è semplice. Si tratta infatti di un lavoro che richiede tempo, pazienza e passione: la castagna deve essere seguita nel suo percorso di maturazione e rinnovamento nel corso dell’intero anno – e poi c’è la raccolta, la cernita, la pezzatura e così via. La filiera dei frutti deve essere sicura, perché il venditore ha il dovere di assicurare ai clienti la miglior qualità al miglior prezzo possibile infatti.

C’è da aggiungere che bisogna avere conoscenze agronomiche, riuscire a comprendere il meteo e le stagioni. Bisogna applicarsi. Per cui noi vi diciamo che sì, vendere castagne è un bel mestiere, un mestiere bellissimo, ma i risultati si ottengono attraverso l’unione di passione (che da sola però non basta) e ovviamente impegno.

Ingrosso castagne

Ingrosso castagne, in arrivo le castagne fresche

Ingrosso castagne: tra poco l’avvio della stagione delle castagne fresche per ristoratori e caldarrostai.

Ingrosso castagne

La fine dell’estate significa una cosa molto importante per noi italiani che rispettiamo il ritmo delle stagioni: a brevissimo saranno di nuovo disponibili le castagne fresche. E questo significa che sarà disponibile l’ingrosso castagne dedicato in particolare ai caldarrostai e ai ristoratori, ma anche a tutti coloro che ne abbiano bisogno – come per esempio organizzatori di sagre della castagna, che vengono predisposte in tutta Italia.

Certo, le castagne sono disponibili tutto l’anno in versione conservata – castagne in barattolo, castagne del prete, nzerta e così via – ma le castagne fresche sono un’altra cosa – soprattutto per chi deve preparare le caldarroste per lavoro, come i caldarrostai, e si deve servire quindi dell’ingrosso castagne.

In generale, pensiamo che le castagne fresche quest’anno presenteranno un ottimo rapporto qualità-prezzo. Il tempo meteorologico è stato clemente con i castagni e in Campania non abbiamo avuto problemi con il cinipide dei castagni, un parassita che in passato ci ha dato molto da pensare.

Oltre le caldarroste, sono tante le preparazioni che si potranno realizzare a partire dalle castagne fresche, come la zuppa di castagne, un piatto della tradizione contadina e montana, ma anche risotti, cotture in umido per contorno alle carni, come la cacciagione specialmente, e così via.

Castagne fresche per caldarrostai

Castagne fresche per caldarrostai, le caratteristiche

Castagne fresche per caldarrostai, ecco le ragioni per cui ci sembrano lievemente differenti da quelle che prepariamo in casa.

Castagne fresche per caldarrostai

Avete mai fatto caso al fatto che le caldarroste che prepariamo in casa sono lievemente differenti da quelle che acquistiamo già preparate? È perché c’è una piccola differenza tra le castagne per uso domestico e le castagne fresche per caldarrostai. E questa piccola differenza consiste nel fatto che nel secondo caso i frutti sono più grandi.

No, non vi preoccupate, non si tratta di una discriminazione, ma c’è una ragione che da sempre regola la cernita delle castagne. Naturalmente i caldarrostai ci lavorano con questo frutto e quindi le castagne fresche per caldarrostai rappresentano un ingrediente fondamentale del loro lavoro. E ci aggiungiamo il fatto che questi professionisti possiedono gli strumenti adatti per preparare le caldarroste al meglio. Strumenti che di solito nessuno di noi a casa propria possiede.

In pratica, dopo la raccolta delle castagne alla fine dell’estate, o frutti vengono sottoposti a una serie di cernite. La prima cernita è necessaria per eliminare le castagne cattive – cioè quelle attaccate dai parassiti o intaccate da agenti atmosferici per esempio. La seconda cernita invece divide appunto le castagne da uso domestico da quelle destinate ai caldarrostai. Infine c’è anche una terza e ultima cernita che suddivide le castagne per grandezza, dimensione che nel nostro caso prende il nome di pezzatura. Ecco chiarito l’arcano.